Trento

 

Presentazione

Mercoledì 29 giugno si è svolto l’incontro, il primo del coordinamento territoriale per il comune di Trento, del movimento “AGIRE per il Trentino”.

Gli obbiettivi del coordinamento territoriale sono come si può supporre molteplici. Partiamo però da un obbiettivo ben preciso: mettere al centro la persona nel suo insieme. Questo obbiettivo potrebbe sembrare retorico, soprattutto se scritto o pronunciato in circostanza di presentazione di un movimento politico.

La retorica invece esiste in quelle ideologie dove l’uomo inteso come persona sia considerato al pari di semplice materia. Questa muta ideologia continuamente si “modernizza” promettendoci di portare il paradiso sulla terra. Esiste anche la retorica dell’ideologia del consumismo, la quale ritiene importante l’uomo se consuma o crea consumo. Dopodiché non si è più interessanti né per il mercato né per la società. Questa ideologia ci promette felicità anestetizzando i nostri sentimenti con acquisti non necessari.

Il nostro nuovo gruppo invece metterà al centro la persona (!) e non si limiterà solo  a delle politiche o programmi vicini alla scadenza elettorale. Sappiamo che ciò accade, ma non possiamo permetterci una cosa diversa. Su questo punto dobbiamo insistere e guardare a quanto accadrà fra venti o trent’anni.

Coordinamento TrentoIl coordinamento si prefigge di lavorare sia per l’oggi, che nel lungo periodo includendo politiche famigliari. Sarebbe sciocco non pensare che la miglior forma di welfare è la famiglia.

Il nostro gruppo ha l’obbligo di pensare alla soluzione dei problemi non limitandosi a sentire le persone, ma ad “ascoltarle” (cosa ben diversa), ascoltarle non in maniera emotiva per dopo creare una soluzione dettata dalla pietà (la pietà è un misero sostituto dell’amore che dura poco) ma in forma costruttiva e duratura.

La base dei valori che raggruppa il movimento “AGIRE” e il coordinamento territoriale per la città di Trento non è solo l’onestà, la correttezza, i valori condivisi ma anche il voler affermare che ci sono valori affettivi di gran lunga superiori a quelli materiali. Se poi si riesce a coniugare entrambe le cose ancora meglio!

Sandro Bordignon – coordinatore territoriale

Caso Baratter. Il re è nudo!… e indossa il loden.

E bravo Baratter, un nome un destino. Se i Romani utilizzavano la locuzione “Nomen omen”, per la Treccani il “baratto” è uno scambio fra due contraenti che si impegnano a reciproci obblighi o cessioni; in senso più ampio, il termine è talora usato con connotazione per lo più fortemente polemica, a proposito di accordi politici che sacrificano popolazioni e gruppi ...

Leggi Articolo »

Trento, l’aumento delle retribuzioni ai dirigenti manda in crisi il centrosinistra

L’aumento della retribuzione ai dirigenti ha creato una vera e propria spaccatura nella Giunta comunale di Trento. Il tutto è partito appunto dalla delibera del sindaco Andreatta che riguarda il ritocco della graduazione dirigenziale, argomento che ha subito provocato il diniego di Roberto Stanchina e Tiziano Uez del PATT. Nonostante una lunga discussione piuttosto accesa sorta con gli oppositori, il ...

Leggi Articolo »

Commemorazione delle vittime delle Foibe: atto doveroso dopo i silenzi imbarazzanti

La commemorazione della giornata del 10 febbraio è un atto doveroso in quanto cerca almeno di riparare a tutti quei colpevoli e imbarazzanti silenzi adempiuti a livello istituzionale, perlopiù dovuti a compromessi politici e ideologici. Il ricordo rimanda a quell’immane tragedia che ha travolto le popolazione istriana, giuliana e dalmata, che già dal 1943 fino ad oltre la fine della ...

Leggi Articolo »

Spettacolo gender anche a Trento. Le giuste battaglie ci sono: basta saperle riconoscere.

Anche in Trentino arriva lo show in chiave gender, “Fa’ afafine, mi chiamo Alex e sono un dinosauro”. Neppure i più accaniti sostenitori di tale ideologia si prodigano nel confutarne ancora l’esistenza, compresa l’attuale ministra dell’Istruzione. Ormai i loro obiettivi sono stati conseguiti: hanno applicato la legge del piano inclinato, hanno trionfato. Prima si parlava di rispetto, poi di stereotipi ...

Leggi Articolo »

Anche a Trento arriva lo “spettacolo gender” per alunni dagli 8 ai 16 anni

Agire per il Trentino rende nota la preoccupazione per la notizia che gli alunni delle nostre scuole dagli 8 ai 16 anni debbano assistere allo spettacolo “Fa’afafine –  Mi chiamo Alex e sono un dinosauro” in programmazione anche a Trento, al Teatro Cuminetti il 6 marzo 2017. Questa preoccupazione nasce principalmente dalla natura dei contenuti del suddetto spettacolo incentrato sull’ideologia ...

Leggi Articolo »

Monte Bondone: si punti su famiglie e sostenibilità ambientale

Nella serata di giovedì abbiamo seguito con molto interesse l’incontro pubblico organizzato dal consigliere Maestranzi sulle scottanti tematiche del Monte Bondone, argomento sul quale lo stesso consigliere detiene la delega da qualche mese. La serata è stata molto partecipata, circa 200 persone, e per questo va dato merito a coloro che hanno organizzato l’evento. Il consigliere delegato ha snocciolato una ...

Leggi Articolo »