Trento

 

Presentazione

Mercoledì 29 giugno si è svolto l’incontro, il primo del coordinamento territoriale per il comune di Trento, del movimento “AGIRE per il Trentino”.

Gli obbiettivi del coordinamento territoriale sono come si può supporre molteplici. Partiamo però da un obbiettivo ben preciso: mettere al centro la persona nel suo insieme. Questo obbiettivo potrebbe sembrare retorico, soprattutto se scritto o pronunciato in circostanza di presentazione di un movimento politico.

La retorica invece esiste in quelle ideologie dove l’uomo inteso come persona sia considerato al pari di semplice materia. Questa muta ideologia continuamente si “modernizza” promettendoci di portare il paradiso sulla terra. Esiste anche la retorica dell’ideologia del consumismo, la quale ritiene importante l’uomo se consuma o crea consumo. Dopodiché non si è più interessanti né per il mercato né per la società. Questa ideologia ci promette felicità anestetizzando i nostri sentimenti con acquisti non necessari.

Il nostro nuovo gruppo invece metterà al centro la persona (!) e non si limiterà solo  a delle politiche o programmi vicini alla scadenza elettorale. Sappiamo che ciò accade, ma non possiamo permetterci una cosa diversa. Su questo punto dobbiamo insistere e guardare a quanto accadrà fra venti o trent’anni.

Coordinamento TrentoIl coordinamento si prefigge di lavorare sia per l’oggi, che nel lungo periodo includendo politiche famigliari. Sarebbe sciocco non pensare che la miglior forma di welfare è la famiglia.

Il nostro gruppo ha l’obbligo di pensare alla soluzione dei problemi non limitandosi a sentire le persone, ma ad “ascoltarle” (cosa ben diversa), ascoltarle non in maniera emotiva per dopo creare una soluzione dettata dalla pietà (la pietà è un misero sostituto dell’amore che dura poco) ma in forma costruttiva e duratura.

La base dei valori che raggruppa il movimento “AGIRE” e il coordinamento territoriale per la città di Trento non è solo l’onestà, la correttezza, i valori condivisi ma anche il voler affermare che ci sono valori affettivi di gran lunga superiori a quelli materiali. Se poi si riesce a coniugare entrambe le cose ancora meglio!

Sandro Bordignon – coordinatore territoriale

Scuole paritarie, perchè non sono un corpo estraneo al sistema scolastico e non tolgono risorse a quelle statali

Considerato che viviamo in un tempo nel quale un rappresentante sindacale (Uil) ed un esponente politico (M5S) hanno un’idea ancora scorretta sulla scuola paritaria, sembra necessario portare all’opinione pubblica alcuni dati reali, utili a restituire verità ad un dibattito che sembra aver imboccato una strada esclusivamente ideologica. Chi ancora oggi parla di “scuola privata” e non di scuola paritaria, non ...

Leggi Articolo »

Carcere di Trento, troppi detenuti e pochi agenti

Sono stati resi noti dal consigliere provinciale Claudio Cia (Agire) i dati aggiornati sul carcere di Trento a Spini di Gardolo. In risposta ad una sua interrogazione presentata nei primi giorni di maggio risponde direttamente il Direttore della Casa Circondariale Valerio Pappalardo con i numeri aggiornati al 21 giugno 2016. Sono 311 i detenuti presenti nel carcere di Trento (299 ...

Leggi Articolo »