Sondaggio di AGIRE sulle priorità dei cittadini e sulla conoscenza del movimento

Questo rapporto illustra brevemente i risultati dell’indagine condotta nella nostra Provincia Autonoma analizzando l’opinione della popolazione sulle varie tematiche che riguardano i principali aspetti della politica e la gestione di essa nel nostro territorio. Oltre a questo aspetto si è cercato di misurare quale sia il grado di conoscenza del movimento “AGIRE per il Trentino” in tutta la provincia di Trento.

La ricerca è stata commissionata ad una primaria società nazionale di sondaggi super partes, nel rispetto dei più rigidi parametri qualitativi e metodologici. Lo stesso è stato eseguito poco prima delle recenti elezioni ed infatti, i risultati, hanno confermato gli esiti “inaspettati” che tutti hanno potuto riscontrare, a dimostrazione della validità della metodica utilizzata.

Riguardo alle domande e relativi risultati inerenti il nostro movimento, che lasciamo riservati nel dato preciso, si può comunque anticipare un inaspettato positivo valore che ci da stimolo ed entusiasmo per proseguire ancora più compatti e convinti di raggiungere a breve un traguardo nell’interesse di tutta la comunità trentina, all’insegna del cambiamento.

Il report di sintesi della ricerca effettuata:

 

L’articolo sul quotidiano “l’Adige” del 25 marzo 2018:

Il metodo utilizzato:

I dati sono stati raccolti mediante un’indagine campionaria realizzata con il metodo CATI (Computer Assisted Telephone Interwieving). Per l’efficienza ed efficacia dell’intervista la sua durata massima è stata studiata in modo che non dovesse superare i 5 minuti per tutto il questionario. Considerata quindi la brevità dell’intervista essa non ha costituito un disturbo per gli intervistati, e il numero di interviste non ultimate è stato praticamente nullo.

Le unità campionarie sono state ottenute estraendo un campione casuale stratificato di 1500 intervistati, quindi altamente rappresentativo, strutturando il campione della popolazione trentina dai 18 ai 55 anni ed oltre, suddividendolo per il genere e per ogni comunità di appartenenza alla provincia di Trento.

 

Costruzione del campione:

L’universo di riferimento dell’indagine è l’insieme della popolazione dei residenti nella provincia di Trento. La numerosità del campione è stata definita in funzione del livello di “confidenza” della stima della media campionaria (ossia, la probabilità che il campione estratto sia effettivamente rappresentativo della media dell’universo di appartenenza) e della “precisione” o “errore campionario” tollerato (ossia, la percentuale di errore ammissibile nella stima dei parametri dovuta al processo di campionamento).

La numerosità campionaria è stata calcolata in modo da garantire nel 95% dei casi uno scostamento del valore del dato reale da quello stimato inferiore al 5%. Con riferimento alla popolazione considerata (solo popolazione con età superiore ai 18 anni) ed alle variabili indicate, la numerosità campionaria opportuna per l’indagine della provincia di Trento risulta essere pari a 1500 unità. È stato estratto un campione casuale stratificato rispetto a “sesso”, “appartenenza alla comunità di valle” ed “età” quest’ultima scaglionata in 3 fasce (18 – 34) (35-55) (oltre 55).

 

Struttura del questionario:

Il numero delle telefonate effettuate è stato abbastanza elevato e per cercare di ottenere le risposte in tempi piuttosto stretti il questionario è stato strutturato con domande brevi semplici e coincise. L’analisi dei dati si è concentrata su 4 principali quesiti, esposti nella seguente maniera:

Le chiedo cortesemente d’esprimere un giudizio, esprimendo un voto (minimo 1 massimo 10), sulla politica di gestione della Giunta Provinciale, sui principali temi ed ambiti del nostro Trentino.

Nella prima domanda si cerca di conoscere l’opinione degli intervistati sulla qualità della gestione politica dell’attuale Giunta provinciale. L’espressione di gradimento è calcolata da un minino di uno ad un massimo di dieci e le principali tematiche da giudicare sull’attuale operato della giunta sono:

  • ECONOMIA E LAVORO
  • SICUREZZA
  • POLITICHE SOCIALI
  • AMBIENTE
  • GIOVANI E SCUOLA
  • IMMIGRAZIONE
  • CULTURA E SPORT

Lei ritiene che il Trentino abbia bisogno di un cambiamento?

In questa domanda la modalità di risposta è articolata su tre possibilità:

  • Sì, molto forte
  • Sì, moderato
  • No, va bene così

Quali di tali programmi ed obiettivi vede prioritari e condivide? ( max 2)

Nella terza domanda gli intervistati possono selezionare due possibilità di scelta e abbiamo distinto gli item di risposta suddividendo 9 macro aree di programma, secondo le quali i cittadini dovrebbero ritenerle più importanti rispetto alle altre.

  • TRASPARENZA E IMPARZIALITA’
  • LOTTA ALLO SPRECO
  • MIGLIORARE L’ECONOMIA
  • NUOVE POLITICHE PER L’IMMIGRAZIONE
  • PIU’ SOSTEGNO A CULTURA E SPORT
  • TUTELA DELL’AUTONOMIA, DELLA STORIA E DELLA IDENTITÀ TRENTINA E DEI TRENTINI IN PARTICOLARE
  • LOTTA AI PRIVILEGI
  • SPAZIO AI GIOVANI NELLA SOCIETA’
  • POLITICHE SOCIALI PIU EFFICIENTI

Conosce il movimento Agire per il Trentino?

La domanda questa volta presuppone invece una risposta dicotomica, in modo da individuare istantaneamente quale sia il grado di conoscenza del movimento nella in Provincia di Trento. I dati riscontrati sono inaspettatamente positivi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa cookie tecnici e di terze parti per la raccolta in forma aggregata di dati anonimi che permettono di migliorare la fruibilità dei contenuti. Cliccando su "accetta", acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni e su come eventualmente disabilitare i cookie consultare l'informativa: cookie e privacy policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi