Lago di Levico bandiera blu… ma bandiera rossa per la balneazione fino al 10 giugno

Il caldo registrato nel mese di maggio, la voglia d’estate e la fine dell’anno scolastico, hanno invogliato molti giovani, famiglie, turisti e residenti a frequentare la spiaggia di Levico in cerca di un po’ di frescura.I primi tuffi non sono mancati, come pure le prime feste organizzate dall’attivo gruppo Mondo Giovani Levico Terme e gli immancabili aperitivi al Big Fish che fanno da volano alla movida locale.

Raccontato così sembrerebbe tutto perfetto – ci dice il coordinamento di Agire di Levico Terme in questa nota – eppure qualche cosa che non va c’è. Ebbene sì in questo periodo, come ogni anno, manca la sorveglianza sulla spiaggia e la torretta, che dovrebbe fungere da faro per la sicurezza, rimane desolatamente vuota.

Il pattino… beh almeno quello viene utilizzato dalle mamme per far divertire i propri pargoli e come punto di osservazione privilegiato per controllarli mentre fanno il bagno. In passato, casi di decesso si sono registrati nello stesso periodo, mentre di recente abbiamo letto di un episodio accaduto nel vicino Lago di Caldonazzo e qualche giorno prima ancora a Riva del Garda.

Si tratta di un problema noto e dibattuto anche in una seduta del Consiglio Comunale, nel mese di gennaio, dai consiglieri Beretta e Filippi: si richiedeva una maggiore flessibilità negli orari giornalieri e nel numero di giornate; si chiedeva pertanto di interloquire con la Comunità di Valle e la società appaltatrice al fine di incrementare il servizio di Spiagge Sicure già ad un buon livello ma migliorabile nella durata.

La stagione è iniziata, l’appalto appena assegnato, ma nulla è cambiato rispetto agli anni precedenti, per lo meno a Levico. Il servizio inizierà con il 10 di giugno nei soli fine settima con una postazione mobile il sabato e l’aggiunta di quella a terra la domenica; andrà a pieno regime a partire da sabato 1 luglio fino a domenica 27 agosto. Sarebbe stato opportuno un anticipo del servizio almeno per coprire il ponte del 2 giugno e mettere in sicurezza la Power Lake! Si dirà che parlare di sicurezza è facile e demagogico senza quantificare i costi e verificarne la sostenibilità.

Vediamo dunque di calcolare il costo giornaliero. Il bando assegnato prevede una spesa annuale  di 176.463,00 euro, una parte coperta dalla comunità di Valle, una parte dalla Provincia. Con tale importo verrà garantito il servizio per 63 giornate su 18 postazioni. Il costo del servizio onnicomprensivo per ogni postazione si aggira quindi sui 155 euro giornalieri. Un importo decisamente irrisorio se confrontato con l’immagine turistica di una località, tra l’altro premiata con la bandiera blu, vocata al turismo che vuole fare del proprio lago e della spiaggia uno dei punti di maggiore attrazione!

Importo che riteniamo potrebbe anche essere sostenuto interamente dal Comune, magari tagliando veramente di poco i finanziamenti ad altre iniziative.

Giuseppe Resta – Coordinamento Agire per il Trentino di Levico Terme

Esito dell'Iniziativa

 

Comunicato di Giuseppe Resta – Coordinamento Agire per il Trentino di Levico Terme -, inviato ai media locali il 9 giugno 2017.

 

 

 

 

L’articolo su “La Voce del Trentino”: Lago di Levico bandiera blu, Agire: “bandiera rossa per la balneazione fino al 10 giugno”

 

 

L’articolo su “Agenzia giornalistica Opinione”: Lago Levico bandiera blu, Agire: bandiera rossa fino ad oggi per la balneazione

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*