Inaccettabile che Saviano dia del buffone a un ministro della Repubblica.

Inaccettabile. Roberto Saviano dimostra ancora una volta di non avere il senso delle istituzioni, quelle stesse istituzioni che da 11 anni gli pagano la scorta e che gli stanno permettendo di accumulare “serenamente” milioni di euro con ospitate televisive, libri, dichiarazioni, sceneggiature.

Una persona sotto tutela dello stato non può permettersi di dare del buffone a un Ministro della Repubblica Italiana solo perché mette in discussione la sua scorta. Io sono dell’idea che Salvini non dovrebbe tenergliela perché levandola darebbe linfa vitale a chi lo sta attaccando in tutti i modi, anche dal punto di vista personale. Di martiri ne abbiamo abbastanza. Leggo di gente che si augura la morte dei suoi figli, sui giornali ormai Salvini è diventato la vittima sacrificale di una sinistra ormai allo sbando che vive di attacchi, di odio, di polemiche infinite. Qualche anno fa era Berlusconi, ora è Salvini. Questi attacchi “da sinistra” sono giustificati dal fatto che hanno paura, la Lega cresce continuamente nei sondaggi e non sanno come arginare questo cambiamento.

Saviano ha definito Salvini “ministro della malavita” e spero vivamente che l’ufficio stampa di Salvini prenda una posizione netta di fronte a questa affermazione calunniosa che non può passare inosservata. Saviano, invece di farci lezioni di morale e di etica, ci spieghi dov’era la sua sinistra in questi anni quando l’Italia stava naufragando.Dov’era la sua sinistra quando le ong e la criminalità organizzata si arricchiva con il business dell’immigrazione? Dov’era la sua sinistra quando c’era da alzare la voce in Europa? Dov’era la sua sinistra quando ci opprimevano dal punto di vista fiscale? Credo che gli italiani si siano svegliati, la sinistra ha perso voti e adesso come adesso non interpreta più il sentimento degli italiani.

Conosco centinaia di persone che prima votavano a sinistra e che adesso votano Lega. E non perché sono impazziti, ma solo perché ormai non sono più rappresentati da un partito che vive solo di polemiche e che ha smesso di parlare di lavoro, di riforme e di programmi.

L’unico collante della sinistra è l’odio per Salvini, Purtroppo per loro, gli italiani se ne sono accorti.

Gian Piero Robbi – Agire per il Trentino

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa cookie tecnici e di terze parti per la raccolta in forma aggregata di dati anonimi che permettono di migliorare la fruibilità dei contenuti. Cliccando su "accetta", acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni e su come eventualmente disabilitare i cookie consultare l'informativa: cookie e privacy policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi