Disabilità, Robbi (AGIRE): «La segregazione dei disabili, un fenomeno da affrontare e risolvere»

Siamo nel 2018, viviamo in una società “evoluta” e libera, eppure nel nostro Paese ci sono ancora persone con disabilità che vivono segregate in strutture e istituti che non riconoscono i diritti fondamentali di ogni essere umano, diritti sottolineati e messi nero su bianco anche da una Convenzione ONU del 2006, ratificata dall’Italia nel 2009.

Questo è un fenomeno troppo poco noto, che scorre silenzioso “sotto i radar”, attraverso la quotidianità di chi questa realtà non la conosce, se non in modo superficiale. Esistono strutture socio assistenziali e socio sanitarie che andrebbero necessariamente riconvertite, poiché segregano (a volte maltrattano) ospiti disabili e/o anziani.
Solo nel 2016 l’Arma dei Carabinieri ha rilevato più di 200 reati tra maltrattamenti, lesioni personali, abbandono d’incapace e persino sequestro di persona all’interno di questi presidi, dati poi trasmessi alla Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap (FISH) che lavora ogni giorno proprio su questo tema.

È ormai all’ordine del giorno sentire fatti di cronaca che descrivono condizioni inumane e degradanti; se pensiamo poi che questi polveroni mediatici sono solo una minima parte del fenomeno in atto, è facile arrivare alla conclusione di quanto ci sia estremo bisogno di un’azione immediata su queste strutture, come peraltro ha fatto notare la stessa FISH nel corso degli anni.

“È per questo” afferma Robbi, di AGIRE per il Trentino, “che si rivela di fondamentale importanza un impegno prima politico e poi normativo e culturale per individuare le strutture segreganti e provvedere alla loro riconversione.”
La sola parola «segregazione» fa tremare i polsi, e al sol pensiero che ci possano essere persone racchiuse in un incubo lascia basiti.
“Come portavoce del mondo della disabilità” continua Robbi, “non posso fare a meno di scendere in campo per cambiare le cose: è importante focalizzare l’attenzione sui processi interni delle strutture e sulla personalizzazione dei progetti di vita dei disabili, oltre che sull’interazione con le comunità locali e sui supporti familiari, quando presenti.”

Uno dei problemi più spinosi è che spesso, in queste strutture, c’è una concezione “ospedaliera” del servizio offerto, quindi la persona disabile viene etichettata come “paziente”, come malato, e non più come semplice persona con il diritto di vivere secondo le proprie regole, e soprattutto secondo il principio fondamentale della libertà.
Secondo i dati della FISH, al 2017 sono più di 270.000 le persone con disabilità ospiti in questi presidi socio-sanitari, di cui tantissimi anziani o comunque persone non autosufficienti, costrette a vivere in ambienti che fanno tutt’altro che ricreare condizioni di vita normali, familiari. Sarebbe quindi auspicabile non solo liberare subito queste persone da situazioni sgradevoli, ma anche individuare le strutture ritenute segreganti e agire per delineare nuovi modelli.

“Io e il mio Team – che si occupa di disabilità da anni – combattiamo da sempre questa forma di diseguaglianza” conclude Robbi. “Penso che il diritto umano alla vita indipendente, quando possibile, sia centrale: contrastare la violenza che risiede nella segregazione in questi presidi, talvolta anche subdola, è un dovere oltre che un diritto. E io sarò in prima fila per fare in modo che venga rispettato.”

Gian Piero Robbi – AGIRE per il Trentino

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa cookie tecnici e di terze parti per la raccolta in forma aggregata di dati anonimi che permettono di migliorare la fruibilità dei contenuti. Cliccando su "accetta", acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni e su come eventualmente disabilitare i cookie consultare l'informativa: cookie e privacy policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi