Coop e bambini in comunità: un vergognoso giro di affari, servono controlli minuziosi a carico delle case famiglia

È balzato alla cronaca il caso del vergognoso giro di affari delle Coop legato alle case famiglia e ai bambini che vengono ospitati in queste strutture. Si tratta di bambini “figli di nessuno”, abbandonati o sottratti alle famiglie fortemente disagiate.

“Insomma – ci spiega Gian Piero Robbi di Agire per il Trentino, responsabile per le politiche sociali -, minori in grande difficoltà il cui sostentamento è a carico dello stato. Tuttavia, c’è chi ha “fiutato” la possibilità di trasformare questa realtà in un business, attingendo in modo illegale, senza scrupolo alcuno ai fondi che i comuni elargiscono alle case famiglia.”

“Tali fondi infatti, vanno dai 70 ai 120 euro al giorno per ogni singolo bambino ospitato e in alcuni casi si arriva anche a 400 euro. Questo di per sé non è affatto un problema – spiega Robbi -, perché è giusto che i bambini vengano supportati come si deve, tuttavia il rapporto tra fondi comunali e servizi effettivamente resi ai minori non è congruo. Qualcosa non torna ed è chiaro che a causa della solita burocrazia e legislatura lacunosa, unita agli scarsi controlli, qualcuno si stia approfittando di questa situazione.”

Questo è un problema nazionale, ma in Trentino come siamo messi? Risposte ufficiali non ci sono, perché mancano proprio i dovuti controlli per fare il punto della situazione. Proprio in questo frangente il centrodestra e in particolare Agire per il Trentino si sta impegnando in modo massiccio. La tutela dei minori e tutto quello che ruota intorno alle case famiglia e ai minori nello specifico, fa parte del programma che Agire sta stilando per le prossime elezioni che si terranno nel 2018.

“Già subito dopo le elezioni – ha concluso Robbi, controlli minuziosi a carico delle case famiglia che godono di fondi elargiti dalla provincia di Trento saranno all’ordine del giorno. Il benessere dei minori deve essere sempre garantito e fondi pubblici impiegati in questo contesto devono passare al vaglio delle autorità competenti, al fine di evitare sprechi e di smascherare sedicenti benefattori che stanno approfittando dei più deboli.”

Gian Piero Robbi – Agire per il Trentino

Esito dell'Iniziativa

 

Comunicato di Gian Piero Robbi – Agire per il Trentino, inviato ai media locali il 12 luglio 2017.

 

 

 

 

L’articolo su “La Voce del Trentino”: Coop e bambini in comunità: un vergognoso giro di affari, servono controlli minuziosi a carico delle case famiglia

 

 

L’articolo su “Secolo Trentino”: Coop e bambini in comunità: un vergognoso giro di affari, servono controlli minuziosi a carico delle case famiglia

 

 

 

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*