45 milioni di euro per la sanità a pochi mesi dalle elezioni. Robbi (AGIRE): “La classica mancia elettorale che piace tanto alla sinistra”.

Che tempismo. A pochi mesi dalle elezioni, dopo anni di silenzio e di assenteismo, la PAT si è svegliata. 45 milioni di euro appena stanziati, più risorse agli infermieri e più soldi destinati a ospedali e anziani, nuove assunzioni. Insomma, un vero e proprio paradiso che punta a lanciare “sabbia negli occhi” in vista delle prossime elezioni di ottobre.

Questo atteggiamento, dal mio punto di vista, è davvero inaccettabile. L’amministrazione attuale, dopo lo scempio di Villa Rosa, la questione mai risolta dei disabili di Locca di Loncei e l’assegno unico provinciale, un vero e proprio strumento di tortura nei confronti dei nostri cittadini (solo per citarne alcuni), ha scelto di farsi bella agli occhi di tutti stanziando questi soldi.

Il classico gioco della vecchia politica: io prometto, tu mi eleggi e una volta che sono al potere ti dico che ci sono state complicazioni, che i soldi non ci sono più e che bisogna attendere. Fino alle prossime elezioni. E via così all’infinito.

Non ci crediamo più. Non possiamo accettare che questo giochetto venga perpetuato ancora senza batter ciglio. Questo stanziamento “per le allodole” viene sventolato come una grande vittoria dell’attuale amministrazione e l’assessore Luca Zeni, assessore provinciale del PD e fino a ieri spettatore passivo della politica sanitaria trentina, si è lasciato andare a dichiarazioni pompose e piene di retorica in cui parla di promesse mantenute e di consolidamento importante del sistema ospedaliero.

Mi contattano anziani e malati che, con patologie cardiache, pagano quotidianamente ticket e non possono usufruire delle esenzioni a loro destinate e sinceramente non se ne capisce il motivo, oggi i sindacati (che personalemente, per il sottoscritto, non fanno più testo) danno un parere positivo all’assestamento di Bilancio, sul piatto ci sono gli oltre 182 milioni di euro. La domanda che mi pongo è semplice: ma la sinistra crede davvero che gli italiani (in questo caso i trentini) non si siano accorti di questi sotterfugi?

Crede davvero che i trentini siano così ingenui da non credere che questo provvedimento sia soltanto un contentino in vista delle elezioni? Io amo questa terra e amo il suo popolo, sono sicuro che a Ottobre sapranno valutare in maniera attenta questa promessa. L’ennesima di una amministrazione scellerata che presto verrà sostituita. Contro questa sinistra, l’unica strada è Agire.

Gian Piero Robbi – Agire per il Trentino

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa cookie tecnici e di terze parti per la raccolta in forma aggregata di dati anonimi che permettono di migliorare la fruibilità dei contenuti. Cliccando su "accetta", acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni e su come eventualmente disabilitare i cookie consultare l'informativa: cookie e privacy policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi